info@dynamica.it
   




  

   21/09/2017 12:17:59





VIRTUALIZZAZIONE MACCHINE FISICHE

Le tecniche di virtualizzazione, fino a pochi anni fa ottenibili solo su architetture mainframe, sono oggi alla portata anche di server a basso costo in architettura x86 (Intel e AMD), cioè i normali tipici server su cui girano sistemi operativi Windows, Linux, Solaris, etc.

La struttura minima necessaria per realizzare un sistema di virtualizzazione che dia una serie di vantaggi tangibili si compone di una coppia di macchine di adeguata potenza, ma ovviamente si può arrivare a strutture composte di decine di macchine nel caso di grandi aziende con proporzionali richieste di elaborazione, le possibilità di scalare l'architettura sono infinite.

Ecco alcuni vantaggi della virtualizzazione:

  • permette di creare le macchine di cui si ha bisogno senza acquistare hardware aggiuntivo o di ridimensionare una macchina che richiede risorse aggiuntive senza doverla sostituire e il tutto in tempi drasticamente più brevi

  • in caso di guasto di una macchina fisica, le macchine virtuali vengono "migrate" su un altro server in modo da non interrompere le attività o comunque ridurre a tempi brevissimi lo stato di crash del sistema

  • i costi globali energetici e anche hardware sono comunque più bassi anche perchè tipicamente nessun server lavora mai al 100% delle proprie capacità e quindi l'accorpamento di più server virtuali su un unico hardware ottimizzerà l'utilizzo delle risorse disponibili oltre al risparmio ad esempio degli switch per interconnettere le macchine che vengono virtualizzate

  • è possibile fare backup completi a macchina "viva" per archiviare lo stato di un sistema in tempo reale

  • permette di mantenere in vita anche sistemi operativi obsoleti dove magari si hanno applicazioni vitali per l'attività dell'azienda, ma per i quali non esiste più un hardware compatibile

  • permette di creare macchine di test dove collaudare un'applicazione prima di passare alla produzione effettiva e valutandone così tutti gli aspetti in un ambiente controllato

  • permette di trasferire le macchine virtuali (viste come normali file) da un sistema hardware ad un altro per adeguare l'eventuale potenza aggiuntiva richiesta con un incredibile risparmio di tempo non dovendo reinstallare alcun sistema operativo o applicazione

    Dynamica può seguire il processo di analisi e implementazione delle tecniche di virtualizzazione aiutando a capire quando e perchè farlo e con quali tecniche in base alle dimensioni aziendali, alle applicazioni richieste ed al budget a disposizione.

    Allo stato attuale i sistemi operativi virtualizzabili sono Windows, Linux, Solaris, Openbsd, etc. nelle varie release disponibili, e in genere tutti i sistemi basati su processori Intel o AMD a 32 o 64 bit e possono essere usate macchine nuove o anche macchine già presenti nell'azienda riconvertite allo scopo.

  •   Copyright © 2017
    Reg. Imp. Milano REA:1245498 Cap. Soc. 10.200 Euro (i.v.)